9-13/15-19

392.30.86.761

Chiamaci per informazioni

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Corso Tirocinio ex art. 73

Formazione Giuridica > Corso Tirocinio ex art. 73

Corso  in affiancamento al Tirocinio ex Art. 73, pensato espressamente per tutti i tirocinanti.

Da oltre quarant’anni, la Scuola Zincani è al servizio di chi intenda superare il Concorso in Magistratura.

Migliaia di corsisti, oggi magistrati, sono testimonianza vivente della qualità del corso.

Le lezioni sono tenute personalmente  dal Dott. Vito Zincani, tra i più noti magistrati del panorama italiano, con l’affiancamento di magistrati amministrativi e docenti universitari.

Il corso è stato pensato nei tempi e nelle modalità per operare in sinergia con il Tirocinio svolto dai corsisti in affiancamento ai Magistrati, ai sensi dell’art. 73 legge D.L. 69/2013.

A tal fine è previsto un unico pomeriggio di impegno settimanale in aula, con ulteriore possibilità di recuperare le lezioni perdute tramite area video.

Prima degli incontri saranno assegnati brevi materiali di inquadramento ed approfondimento dei temi maggiormente rilevanti nel dibattito giuridico.

 

Un anno di VERA formazione post-laurea, al 25% sconto per i Tirocinanti!

Il corso annuale è indicato per la preparazione del Concorso in Magistratura e degli altri concorsi pubblici di primo e secondo livello.

La partecipazione al corso annuale consente di raggiungere un livello di preparazione idoneo a sostenere, tra gli altri, il Concorso da magistrato amministrativo/TAR, il Concorso per l’accesso all’Agenzia delle Entrate ed il Concorso per Commissario della Polizia di Stato.

Il corso annuale è strutturato in trentasette incontri, a cadenza settimanale, equamente suddivisi tra  Diritto amministrativo, Diritto civile e Diritto penale.

E’ possibile inserirsi nel percorso annuale in qualsiasi momento dell’anno a prescindere dall’inserimento. Ciascun corsista, nell’arco di dodici mesi, potrà completare integralmente il percorso nelle tre materie.

Gli incontri si terranno ogni venerdì pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 19.00. E’ possibile frequentare anche in modalità online, senza vincoli di diretta.

La piattaforma di E-learning è proprietà intellettuale di Formazione Giuridica ed è stata realizzata appositamente dai nostri informatici per garantire al meglio le esigenze degli aspiranti avvocati e magistrati.
Dalla pagina personale, ogni iscritto potrà consultare tutto il materiale, consegnare compiti redatti a mano, ricevere le correzioni, seguire le lezioni e confrontarsi con docenti e referenti.
Il sistema registra tutte le statistiche individuali, elaborando grafici di miglioramento della preparazione in specifiche aree che seguono un algoritmo basato sui progressi del singolo e sulle medie generali.
L’accesso al Forum garantisce momenti di confronto tra i candidati, durante la redazione degli elaborati settimanali, anche a chi frequenta a distanza.

Il corso opera in affiancamento rispetto all’attività svolta dal tirocinante con il magistrato di riferimento.

A tal fine è previsto un coordinamento, tramite tutor d’aula, volto a garantire la riduzione dei carichi di studio nelle aree già opportunamente approfondite presso i Pubblici Uffici, ed un miglioramento della capacità redazionale del tirocinante nell’ambito dei compiti a lui affidati ex D.L.  69/2013.

Il corso costa meno con il Jobs Act Autonomi! Scopri come dedurre il corso!

GUARDA I PREZZI
Corso tirocinio art. 73

Il corso è stato pensato nei tempi e nelle modalità per operare in sinergia con il Tirocinio svolto dai corsisti in affiancamento ai Magistrati, ai sensi dell’art. 73 legge D.L. 69/2013.

A tal fine è previsto un unico pomeriggio di impegno settimanale in aula, con ulteriore possibilità di recuperare le lezioni perdute tramite area video.

Prima degli incontri saranno assegnati brevi materiali di inquadramento ed approfondimento dei temi maggiormente rilevanti nel dibattito giuridico.

 

Un anno di VERA formazione post-laurea, al 25% sconto per i Tirocinanti!

Obiettivi

Il corso annuale è indicato per la preparazione del Concorso in Magistratura e degli altri concorsi pubblici di primo e secondo livello.

La partecipazione al corso annuale consente di raggiungere un livello di preparazione idoneo a sostenere, tra gli altri, il Concorso da magistrato amministrativo/TAR, il Concorso per l’accesso all’Agenzia delle Entrate ed il Concorso per Commissario della Polizia di Stato.

Struttura del corso

Il corso annuale è strutturato in trentasette incontri, a cadenza settimanale, equamente suddivisi tra  Diritto amministrativo, Diritto civile e Diritto penale.

E’ possibile inserirsi nel percorso annuale in qualsiasi momento dell’anno a prescindere dall’inserimento. Ciascun corsista, nell’arco di dodici mesi, potrà completare integralmente il percorso nelle tre materie.

Gli incontri si terranno ogni venerdì pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 19.00. E’ possibile frequentare anche in modalità online, senza vincoli di diretta.

E-learning

La piattaforma di E-learning è proprietà intellettuale di Formazione Giuridica ed è stata realizzata appositamente dai nostri informatici per garantire al meglio le esigenze degli aspiranti avvocati e magistrati.
Dalla pagina personale, ogni iscritto potrà consultare tutto il materiale, consegnare compiti redatti a mano, ricevere le correzioni, seguire le lezioni e confrontarsi con docenti e referenti.
Il sistema registra tutte le statistiche individuali, elaborando grafici di miglioramento della preparazione in specifiche aree che seguono un algoritmo basato sui progressi del singolo e sulle medie generali.
L’accesso al Forum garantisce momenti di confronto tra i candidati, durante la redazione degli elaborati settimanali, anche a chi frequenta a distanza.

Tutorato D.L. 69/2013

Il corso opera in affiancamento rispetto all’attività svolta dal tirocinante con il magistrato di riferimento.

A tal fine è previsto un coordinamento, tramite tutor d’aula, volto a garantire la riduzione dei carichi di studio nelle aree già opportunamente approfondite presso i Pubblici Uffici, ed un miglioramento della capacità redazionale del tirocinante nell’ambito dei compiti a lui affidati ex D.L.  69/2013.

a
300

materiali inediti

a
32

temi assegnati

a
130

ore di lezione

  • CORSO ORDINARIO 12 mesi
  • 890 i.e. /mo
    • 130 ore frontali
    • 300 materiali inediti
    • 32 temi con correzione individuale
    • dispense giurisprudenziali
    • 3 simulazioni con indicazioni metodologiche
  • ISCRIVITI
  • CORSO AVANZATO pre-bando
  • 890 i.e /mo
    • 70 ore frontali
    • 200 materiali esclusivi
    • 10 temi con correzione individuale
    • 17 incontri
    • analisi della Commissione
  • ISCRIVITI
  • CORSO ordinario+avanzato
  • 1.590 i.e. /mo
    • 200 ore frontali
    • 400 materiali inediti
    • 42 tracce con correzione individuale
    • dispense giurisprudenziali
    • anche online
  • ISCRIVITI

Abc dello Stage Formativo

Scarica pdf

Stage formativo o scuola di specializzazione?

Guarda i corsi

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI BORSA DI STUDIO

Scarica PDF

Stage formativo

Durata: 18 mesi

Costo: nessun costo, vi è la possibilità di ottenere una borsa di studio di € 400 mensili

Benefici:

– Formazione teorico-pratica nelle aule di Tribunale, infatti gli ammessi assistono e

coadiuvano il magistrato a cui sono affidati nel compimento delle ordinarie attività.

– Lo svolgimento dello stage può essere svolto contestuale ad altre attività, compreso

a titolo esemplificativo il dottorato di ricerca il tirocinio per l’ accesso alla

professione di avvocato o di notaio e la frequenza dei corsi delle scuole di

specializzazione per le professioni legali, pertanto non preclude al candidato di

compiere ulteriori investimenti formativi.

– L’esito positivo dello stage costituisce titolo per l’accesso al concorso per

magistrato ordinario.

– L’esito positivo dello stage è valutato per periodo di 1 anno per l’accesso alla

professione di avvocato e di notaio.

– L’esito positivo dello stage costituisce titolo di preferenza a parità di merito nei

concorsi indetti dall’amministrazione della giustizia, dall’amministrazione della

giustizia amministrativa e dall’Avvocatura di Stato. Esso costituisce, inoltre, titolo

di preferenza per la nomina a giudice onorario di tribunale e a vice procuratore

onorario.

– Lo stage svolto presso gli uffici della Giustizia amministrativa è equiparato a tutti

gli effetti a quello svolto presso gli uffici della Giustizia ordinaria.

Scuole di specializzazioni legali

Durata: 24 mesi con esame di ammissione

Costo: circa € 2000 annui

Benefici:

– Formazione teorica

– Approfondimento giurisprudenziale delle materie trattate in sede universitaria.

– Il superamento delle verifiche intermedie e delle prove finali d’esame costituisce

titolo per l’accesso al concorso per magistrato ordinario.

– Il superamento delle verifiche intermedie e delle prove finali d’esame è valutato per

periodo di 1 anno per l’accesso alla professione di avvocato e di notaio.

Ivi allegato il testo normativo d.l. 69/2013, art 73, Capo II Tirocinio formativo presso gli uffici giudiziari, come modificato.

Art. 73

(Formazione presso gli uffici giudiziari)

  1. I laureati in giurisprudenza all’esito di un corso di durata almeno quadriennale, in possesso dei requisiti di onorabilitaò di cui all’articolo 42-ter, secondo comma, lettera g), del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, che abbiano riportato una media di almeno 27/30 negli esami di diritto costituzionale, diritto privato, diritto processuale civile, diritto commerciale, diritto penale, diritto processuale penale, diritto del lavoro e diritto amministrativo, ovvero un punteggio di laurea non inferiore a 105/110 e che non abbiano compiuto i trenta anni di eta’, possono accedere, a domanda e per una sola volta, a un periodo di formazione teorico-pratica presso le Corti di appello, i tribunali ordinari, gli uffici e i tribunali di sorveglianza e i tribunali per i minorenni della durata complessiva di diciotto mesi. I laureati, con i medesimi requisiti, possono accedere ad un periodo di formazione teorico-pratica, della stessa durata, anche presso il Consiglio di Stato, sia nelle sezioni giurisdizionali che consultive, e i Tribunali Amministrativi Regionali. La Regione Siciliana e le province autonome di Trento e di Bolzano nell’ambito della propria autonomia statutaria e delle norme di attuazione, attuano l’istituto dello stage formativo e disciplinano le sue modalità di svolgimento presso il Consiglio di Giustizia amministrativa per la Regione Siciliana e presso il Tribunale Regionale di Giustizia amministrativa di Trento e la sezione autonoma di Bolzano.
  2. Quando non è possibile avviare al periodo di formazione tutti gli aspiranti muniti dei requisiti di cui al comma 1 si riconosce preferenza, nell’ordine, alla media degli esami indicati, al punteggio di laurea e alla minore età anagrafica. A parità dei requisiti previsti dal primo periodo si attribuisce preferenza ai corsi di perfezionamento in materie giuridiche successivi alla laurea.
  3. Per l’accesso allo stage i soggetti di cui al comma 1 presentano domanda ai capi degli uffici giudiziari con allegata documentazione comprovante il possesso dei requisiti di cui al predetto comma, anche a norma degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. Nella domanda può essere espressa una preferenza ai fini dell’assegnazione, di cui si tiene conto compatibilmente con le esigenze dell’ufficio. Per il Consiglio di Stato, il Consiglio di Giustizia amministrativa per la Regione Siciliana, il Tribunale Amministrativo Regionale per la Regione Autonoma del Trentino Alto-Adige, i Tribunali Amministrativi Regionali la preferenza si esprime con riferimento ad una o più sezioni in cui sono trattate specifiche materie.
  4. Gli ammessi allo stage sono affidati a un magistrato che ha espresso la disponibilità ovvero, quando è necessario assicurare la continuità della formazione, a un magistrato designato dal capo dell’ufficio. Gli ammessi assistono e coadiuvano il magistrato nel compimento delle ordinarie attività. Il magistrato non può rendersi affidatario di più di due ammessi. Il ministero della giustizia fornisce agli ammessi allo stage le dotazioni strumentali, li pone in condizioni di accedere ai sistemi informatici ministeriali e fornisce loro la necessaria assistenza tecnica. Per l’acquisto di dotazioni strumentali informatiche per le necessità di cui al quarto periodo è autorizzata una persa unitaria non superiore a 400 euro. Nel corso degli ultimi sei mesi del periodo di formazione il magistrato può chiedere l’assegnazione di un nuovo ammesso allo stage al fine di garantire la continuità dell’attività di assistenza e ausilio. L’attività di magistrato formatore è considerata ai fini della valutazione di professionalità di cui all’articolo 11, comma 2, del decreto legislativo 5 aprile 2006, n. 160, nonché ai fini del conferimento di incarichi direttivi e semidirettivi di merito. L’attività di magistrato formatore espletata nell’ambito dei periodi formativi dei laureati presso gli organi della Giustizia amministrativa non si considera ai fini dei passaggi di qualifica di cui all’articolo 15 della legge 27 aprile 1982 n. 186 e successive modificazioni, nè ai fini del conferimento delle funzioni di cui all’articolo 6, comma 5, della medesima legge. Al magistrato formatore non spetta alcun compenso aggiuntivo o rimborso spese per lo svolgimento dell’attività formativa.
  5. L’attività degli ammessi allo stage si svolge sotto la guida e il controllo del magistrato e nel rispetto degli obblighi di riservatezza e di riserbo riguardo ai dati, alle informazioni e alle notizie acquisite durante il periodo di formazione, con obbligo di mantenere il segreto su quanto appreso in ragione della loro attività e di astenersi dalla deposizione testimoniale. Essi sono ammessi ai corsi di formazione decentrata organizzati per i magistrati dell’ufficio ed ai corsi di formazione decentrata loro specificamente dedicati e organizzati con cadenza almeno semestrale, secondo programmi che sono indicati per la formazione decentrata da parte della Scuola superiore della magistratura. I laureati ammessi a partecipare al periodo di formazione teorico-pratica presso il Consiglio di Stato, il Consiglio di Giustizia amministrativa per la Regione Siciliana, i Tribunali Amministrativi Regionali e il Tribunale Amministrativo Regionale per la Regione Autonoma del Trentino Alto-Adige sono ammessi ai corsi di formazione organizzati dal Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa.

 

    5 – bis. L’attività di formazione degli ammessi allo stage è condotta in collaborazione con i consigli degli ordini degli avvocati e con le Scuole di specializzazione per le professioni legali, secondo le modalità individuati dal Capo dell’Ufficio, qualora gli stagisti ammessi risultino anche essere iscritti alla pratica forense o ad una Scuola di specializzazione per le professioni legali.

  1. Gli ammessi allo stage hanno accesso ai fascicoli processuali, partecipano alle udienze del processo, anche non pubbliche e dinanzi al collegio, nonché alle camere di consiglio, salvo che il giudice ritenga di non ammetterli; non possono avere accesso ai fascicoli relativi ai procedimenti rispetto ai quali versano in conflitto di interessi per conto proprio o di terzi, ivi compresi i fascicoli relativi ai procedimenti trattati dall’avvocato presso il quale svolgono il tirocinio.
  2. Gli ammessi allo stage non possono esercitare attività professionale innanzi l’ufficio ove lo stesso si svolge, né possono rappresentare o difendere, anche nelle fasi o nei gradi successivi della causa, le parti dei procedimenti che si sono svolti dinanzi al magistrato formatore o assumere da costoro qualsiasi incarico professionale.
  3. Lo svolgimento dello stage non da’ diritto ad alcun compenso e non determina il sorgere di alcun rapporto di lavoro subordinato o autonomo né di obblighi previdenziali e assicurativi.

    8 – bis. Agli ammessi allo stage è attribuita, ai sensi del comma 8-ter, una borsa di studio determinata in misura non superiore ad euro 400 mensili e, comunque, nei limiti della quota prevista dall’articolo 2, comma 7, lettera b), del decreto legge 16 settembre 2008, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 novembre 2008, n.181.

    8 – ter. Il Ministro della giustizia, di concerto il Ministro dell’economia e delle finanze, con decreto di natura non regolamentare, determina annualmente l’ammontare delle risorse destinate all’attuazione degli interventi di cui al comma 8-bis del presente articolo sulla base delle risorse disponibili di cui all’articolo 2, comma 7, lettera b) del decreto legge 16 settembre 2008, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 novembre 2008, n.181, i requisiti per l’attribuzione per la borsa di studio di cui al comma 8-bis, sulla base dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) calcolato per le prestazioni erogate agli studenti nell’ambito del diritto allo studio universitario, nonché i termini e le modalità di presentazione della dichiarazione sostitutiva unica.

  1. Lo stage può essere interrotto in ogni momento dal capo dell’ufficio, anche su proposta del magistrato formatore, per sopravvenute ragioni organizzative o per il venir meno del rapporto fiduciario, anche in relazione ai possibili rischi per l’indipendenza e l’imparzialità dell’ufficio o la credibilità della funzione giudiziaria, nonché per l’immagine e il prestigio dell’ordine giudiziario.
  2. Lo stage può essere svolto contestualmente ad altre attività, compreso il dottorato di ricerca, il tirocinio per l’accesso alla professione di avvocato o di notaio e la frequenza dei corsi delle scuole di specializzazione per le professioni legali, purché con modalità compatibili con il conseguimento di un’adeguata formazione. Il contestuale svolgimento  del tirocinio per l’accesso alla professione forense non impedisce all’avvocato presso il quale il tirocinio si svolge di esercitare l’attività professionale innanzi al magistrato formatore.
  3. Il magistrato formatore redige, al termine dello stage, una relazione sull’esito del periodo di formazione e la trasmette al capo dell’ufficio.

         11 bis. L’esito positivo dello stage, come attestato a norma del comma 11, costituisce titolo per l’accesso al concorso per magistrato ordinario, a norma dell’articolo 2 del decreto legislativo 5 aprile 2006, n. 160, e successive modificazioni. Costituisce, altresì, titolo idoneo per l’accesso al concorso per magistrato ordinario lo svolgimento del tirocinio professionale per diciotto mesi presso l’Avvocatura dello Stato, sempre che sussistano i requisiti di merito di cui al comma 1 e che sia attestato l’esito positivo del tirocinio.

  1. COMMA SOPPRESSO dalla L. 9 agosto 2013, n. 98.
  2. Per l’accesso alla professione di avvocato e di notaio l’esito positivo dello stage di cui al presente articolo è valutato per il periodo di un anno ai fini del compimento del periodo di tirocinio professionale ed è valutato per il medesimo periodo ai fini della frequenza dei corsi della scuola di specializzazione per le professioni legali, fermo il superamento delle verifiche intermedie e delle prove finali d’esame di cui all’articolo 16 del decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398.
  3.      L’esito positivo dello stage costituisce titolo di preferenza a parità di merito, a norma dell’articolo 5 del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, nei concorsi indetti dall’amministrazione della giustizia, dall’amministrazione della giustizia amministrativa e dall’Avvocatura dello Stato. Per i concorsi indetti da altre amministrazioni dello Stato l’esito positivo del periodo di formazione costituisce titolo di preferenza a parità di titoli e di merito.
  4. L’esito positivo dello stage costituisce titolo di preferenza per la nomina a giudice onorario di tribunale e di vice procuratore onorario.
  5. All’articolo 5 della legge 21 novembre 1991, n. 374, dopo il comma 2 è inserito il seguente comma: “2-bis. La disposizione di cui al comma 2 si applica anche a coloro che hanno svolto con esito positivo lo stage presso gli uffici giudiziari”.
  6. Al fine di favorire l’accesso allo stage è in ogni caso consentito l’apporto finanziario di terzi, anche mediante l’istituzione di apposite borse di studio, sulla base di specifiche convenzioni stipulate con i capi degli uffici, o loro delegati, nel rispetto delle disposizioni del presente articolo.
  7. I capi degli uffici giudiziari di cui al presente articolo quando stipulano le convenzioni previste dall’articolo 37 del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111, devono tenere conto delle domande presentate dai soggetti in possesso dei requisiti di cui al comma 1.
  8. L’esito positivo dello stage presso gli uffici della Giustizia amministrativa, come attestato a norma del comma 11, è equiparato a tutti gli effetti a quello svolto presso gli uffici della Giustizia ordinaria.
  9. La domanda di cui al comma 3 non può essere presentata prima del decorso del termine di trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.
a

CONTATTACI

Richiedi informazioni sul calendario della tua città

380 4670477

Cell. (+39) 392 3086761

Fax (+39) 051 0566611

9:00-20:00

Orari Feriali
Chiusi nei giorni Festivi

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Oggetto

Messaggio

*Autorizzo il trattamento dei dati strettamente correlato alla mia richiesta informativa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi