9-13/15-19

392.30.86.761

Chiamaci per informazioni

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

il Tar Lazio annulla il bando di gara del Comune per i servizi di Roma Capitale

Formazione Giuridica > Sentenze  > Giustizia amministrativa  > il Tar Lazio annulla il bando di gara del Comune per i servizi di Roma Capitale

il Tar Lazio annulla il bando di gara del Comune per i servizi di Roma Capitale

Sotto la scure del Tar Lazio cade il bando di gara del Comune di Roma Capitale per l’affidamento dei servizi “per il funzionamento delle strutture educative e scolastiche, nonché per la manutenzione del verde pubblico non di pregio, scolastico e delle piste ciclabili per un periodo di 8 anni”.

Questo bando, del valore di 475 milioni di euro, viene impugnato da una serie di società, tra cui la Manutencoop Facility Management, in particolare nella scelta della società mista pubblico – privata quale migliore modello organizzativo per la gestione dei servizi di interesse generale che, ha portato, di fatto, ad un accorpamento dei servizi richiesti.

Il tutto, inoltre, era privo della corretta motivazione volta a specificare la necessità di indire un bando di gara al posto di formulare procedure ad evidenza pubblica.

Alla luce delle evidenze, infatti, è emerso che la necessità di accorpare servizi eterogenei in un’unica società pubblico-privata ha creato inadeguatezze nella gestione delle risorse e nell’approntamento delle attività necessarie, anche con riferimento alla sostenibilità finanziaria di un bando che è risultato di importo doppio rispetto a quello della precedente gara.

Infatti, il Tar non ha riconosciuto come valide le ragioni per le quali la costituzione della nuova società mista costituisca la scelta obbligata onde perseguire al meglio le finalità istituzionali dell’ente comunale, ragioni ritenute incoerenti.

Inoltre, l’idea di accorpare tutti i servizi su un unico soggetto è stato ritenuto ingiustificato, oltre che lesivo del principio del favor partecipationis.

Il Tar ha così annullato il bando, anche se la direzione comunale si è difesa sui mezzi di comunicazione asserendo che il medesimo bando fosse già revocato in autotutela a seguito delle critiche mosse dalla Agcm.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

No Comments

Leave a Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi