9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Senza categoria

Formazione Giuridica > Senza categoria

Profili processuali e penali nel falso ideologico del Professore

Con la sentenza n. 47241 del 21.11.2019 la quinta Sezione della Corte di Cassazione ha deciso su un caso di falso ideologico. I soggetti ritenuti responsabili sono il preside e i docenti di un’istituto paritario d’istruzione siciliano che, in associazione tra loro e in presenza di un medesimo disegno criminoso, hanno fornito false attestazioni nella compilazione dei registri di classe, con riferimento alla presenza degli alunni ed allo svolgimento delle attività didattiche. La sentenza ha il pregio di indagare, sotto il profilo processuale, il tema della contestazione della circostanza aggravante in dibattimento. In particolare, si osserva che la contestazione della circostanza aggravante di...

Continua a leggere

L’offensività nel commercio di cannabis light

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione il 10 luglio hanno depositato le motivazioni della decisione assunta con la pronuncia del 30 maggio 2019 n. 30475, in tema di commercializzazione di cannabis cd. light. Il quesito posto all'esame delle Sezioni Unite è il seguente: se le condotte diverse dalla coltivazione di  canapa delle varietà di cui al catalogo indicato nell'art. 1, comma 2, della legge 2 dicembre 2016 n. 242, e, in particolare, la commercializzazione di cannabis sativa L., rientrino o meno, e se sì, in quali eventuali limiti, nell'ambito di applicabilità della predetta legge e siano, pertanto, penalmente irrilevanti ai...

Continua a leggere

Sezioni Unite: è reato la commercializzazione della cannabis light

ll 30 maggio 2019, a seguito della deliberazione in camera di consiglio delle Sezioni Unite, da un'informazione provvisoria si apprende che è stata decisa la seguente questione: «Se le condotte diverse dalla coltivazione di canapa delle varietà di cui al catalogo indicato nell'art. 1, comma 2, della legge 2 dicembre 2016, n. 242, e, in particolare, la commercializzazione di cannabis sativa L., rientrino o meno, e se sì, in quali eventuali limiti, nell'ambito di applicabilità della predetta legge e siano, pertanto, penalmente irrilevanti ai sensi di tale normativa». In attesa della sentenza, ancora non depositata, dall'informazione provvisoria si apprende che al quesito...

Continua a leggere

Concorso Magistratura: cambio due componenti e ultime indicazioni

atto diritto amministrativo

Concorso Magistratura: cambio di due componenti e ultime indicazioni Martedì 4 giugno avranno inizio le prove scritte del Concorso a 330 posti di magistrato ordinario,  indetto con decreto ministeriale del 10 ottobre 2018. Ieri 27 maggio è stata data notizia di due sostituzioni all'interno della Commissione esaminatrice. Il prof. Carlo Bottari è stato sostituito dal prof. Giancarlo Antonio Ferro, associato dell'Università degli Studi di Catania ed il prof. Paolo Lazzara è stato sostituito con il prof. Aristide Police,  ordinario dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Ricordiamo le istruzioni diramate dal Ministero della Giustizia in relazione alle varie fasi di svolgimento del concorso Consegna...

Continua a leggere

Il nuovo 25 quaterdecies della legge 231 del 2001

La legge n. 39 del 3 maggio 2019, in GU del 16-05-2019 (n. 113). Ratifica la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione di competizioni sportive, fatta a Magglingen (Svizzera) il 18 settembre 2014. In particolare, l’art. 5 comma 1 della nuova legge inserisce l’art. 25 quaterdecies nel decreto legislativo 231 del 2001, che disciplina la responsabilità amministrativa da reato. La norma neo introdotta è la seguente. 25 quaterdecies - frode in competizioni sportive, esercizio abusivo di gioco o di scommessa e giochi d’azzardo esercitati a mezzo di apparecchi vietati. 1. In relazione alla commissione dei reati di cui agli articoli 1 e 4 della legge 13 dicembre...

Continua a leggere

La Corte di Cassazione interpreta il reato di serrata

La sesta Sezione della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 1334 dell’11 gennaio 2019, interviene in tema di serrata. Nel caso di specie si imputava all’agente la commissione del reato di interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità, di cui all’art. 340 c.p.. In particolare, in materia di traffico aereo. Il punto di partenza seguito dalla Corte nel suo iter logico è costituito dal dato testuale della norma incriminatrice, che, in linea con l'interesse tutelato, sanziona non solo la condotta che abbia comportato l'interruzione del servizio pubblico di cui si tratti, bensì anche il...

Continua a leggere

Concorso nel reato di accesso abusivo al sistema informatico nello scambio di file protetti tra colleghi

La Corte di Cassazione, quinta Sezione penale, con la sentenza n. 565 dell’8 gennaio 2019, ha affinato la declinazione degli elementi costitutivi del reato di cui all’art. 615 ter c.p. Il caso di specie vedeva il concorso di due persone nel reato. L'attività materiale era stata posta in essere dal primo il quale, utilizzando l'account di posta elettronica attivato sul dominio della banca e a lui in uso, aveva inviato due e-mail alla casella di posta aziendale del secondo, dipendente della medesima banca, allegando un file excel contenente informazioni bancarie riservate, alle quali il secondo non avrebbe avuto accesso (nominativo del...

Continua a leggere

responsabilità medica e consenso informato

La terza Sezione civile della Corte di Cassazione rassegna, in data 29.11.2018, la pronuncia n. 30852, in tema di responsabilità medica. La controversia origina dalla richiesta di risarcimento dei danni occorsi al padre dei ricorrenti per via di un’operazione di revisione chirurgica, dalla quale si asserisce sia derivata la morte del paziente. Nel primo grado di giudizio, la CTU ha stabilito che l’evento morte vada ricondotto ad un trombo che si sarebbe potuto formare comunque. Cosicché, in primo grado, il Tribunale rigettò le domande per mancata prova del nesso causale tra la condotta del medico e l’evento mortale. In secondo grado, la Corte...

Continua a leggere

RISULTATI ESAME AVVOCATO 2018 -2019 DATA DI USCITA DEI RISULTATI E PRIME INDISCREZIONI

Ogni anno i risultati vengono pubblicati dalle relative Corti di Appello nelle ultime due settimane del mese di giugno, al massimo durante la prima settimana di luglio. In attesa dei risultati è fondamentale continuare a studiare in vista dell'esame orale per tenersi continuamente aggiornati ed essere pronti anche ad uno orale in tempi brevi (per es. settembre). Continua a consultare questa pagina per conoscere subito la data di uscita degli esami! Quando usciranno i risultati? i temi di pubblicazione dipendono da vari fattori: numero dei candidati, dagli abbinamenti delle corti di appello e dalle commissioni correttrici. Poi non mancano mai gli imprevisti in...

Continua a leggere

nella causa Provenzano la Cedu condanna l’Italia per violazione dell’art. 3

Nella decisione del 25 ottobre, n. 55080/10, la prima Sezione della Corte Europea dei diritti dell'Uomo decide sul caso di Bernardo Provenzano. Il ricorrente, ora deceduto, era un cittadino italiano, nato nel 1933. Egli è stato arrestato nel 2006 e successivamente condannato per numerosi reati estremamente gravi, comportanti l'applicazione della pena di diversi ergastoli. Dopo il suo arresto, è stato incarcerato sotto la sezione 41 bis del regime penitenziario, un regime restrittivo in Italia per impedire ai condannati per reati legati alla mafia di mantenere i contatti con membri dell'organizzazione criminale all'interno o all'esterno della prigione. Include le restrizioni sulle visite familiari, il...

Continua a leggere