9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

392.30.86.761

051.19.98.29.53

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Il Consiglio di Stato sul rapporto tra appello principale perento e appello incidentale tardivo

Formazione Giuridica > Sentenze  > Giustizia amministrativa  > Il Consiglio di Stato sul rapporto tra appello principale perento e appello incidentale tardivo

Il Consiglio di Stato sul rapporto tra appello principale perento e appello incidentale tardivo

La sesta sezione del Consiglio di Stato, con la pronuncia n. 6111 del 26 ottobre 2018 decide sul rapporto tra appello principale perento e appello incidentale tardivo.

La questione all’attenzione del Collegio è se l’art. 334, comma 2, c.p.c. – secondo il quale se l’impugnazione principale è dichiarata inammissibile, l’impugnazione incidentale tardiva perde ogni efficacia – richiamato espressamente e con la stessa formulazione dall’art. 96, comma 4 c.p.a., sia applicabile nel processo amministrativo anche nel caso in cui il ricorso principale sia estinto per perenzione.

Ai fini della decisione la sezione passa in rassegna quanto espresso dal giudice di appello, ovvero che sia illogico ritenere che una impugnazione (anomala) possa trovare tutela nell’ordinamento in caso di mancanza sopravvenuta del presupposto in funzione del quale è stata riconosciuta la sua proponibilità. Così l’inefficacia, prevista nel secondo comma, del ricorso incidentale tardivo va intesa come inammissibilità sopravvenuta dello stesso per difetto dell’interesse tutelato dall’ordinamento nel consentirne la proponibilità.

In definitiva, la Corte – pur decidendo su una fattispecie di ricorso principale improcedibile – spende argomentazioni di sistema valevoli in tesi per tutti i casi in cui l’appello principale non può esaminarsi nel merito, posto che in tutti questi casi il rischio paventato che avrebbe indotto la parte parzialmente soccombente ad impugnare, non viene ad esistenza. In tal modo, si procede ad una consistente limitazione della portata dell’eccezione ordinamentale che consente l’impugnazione oltre il termine e ad una riespansione delle regole generali sui termini per impugnare.

Si legano così le sorti dell’appello incidentale tardivo a quelle dell’appello principale ed il primo è tutelato nella misura in cui il secondo può sovvertire l’originaria sentenza impugnata, che il futuro appellante incidentale benchè parzialmente soccombente non avrebbe autonomamente impugnato e per la quale ha infatti lasciato decorrere i termini ordinari di impugnazione.

All’esito, il Consiglio di Stato rassegna il seguente principio di diritto: il principio sancito dall’art. 334, comma 2, c.p.c. e dall’art. 96, comma 4, c.p.a.- secondo cui se l’appello principale è dichiarato inammissibile l’appello incidentale tardivo perde efficacia – si applica anche nel caso in cui l’appello principale e’ dichiarato perento.

Consulta la sentenza in esteso.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Nessun commento

Lascia un commento