9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

La nuova azione di classe è legge

Formazione Giuridica > Sentenze  > Novità normative  > La nuova azione di classe è legge

La nuova azione di classe è legge

In Gazzetta Ufficiale è stata promulgata la legge 12 aprile 2019 n. 31, in vigore dal 19 aprile 2020, in materia di azione di classe, che andrà ad introdurre nel codice di procedura civile il rispettivo titolo.

L’ambito di applicazione dei procedimenti collettivi, come viene specificato, è quello dei diritti individuali omogenei.

A tale fine,  è previsto che un’organizzazione o un’associazione senza  scopo  di lucro i cui obiettivi statutari comprendano la  tutela  dei  predetti diritti o ciascun componente della classe puo’  agire  nei  confronti dell’autore  della   condotta   lesiva   per   l’accertamento   della responsabilita’ e per la condanna al risarcimento del  danno  e  alle restituzioni.  Ai  fini  di  cui  al  periodo  precedente,  ferma  la legittimazione di ciascun componente della classe,  possono  proporre l’azione di cui al presente articolo esclusivamente le organizzazioni e le associazioni iscritte in un elenco pubblico istituito presso  il Ministero della giustizia.

L’azione di classe puo’ essere esperita nei confronti di  imprese ovvero nei confronti  di  enti  gestori  di  servizi  pubblici  o  di pubblica utilita’, relativamente ad atti  e  comportamenti  posti  in essere nello svolgimento delle loro rispettive attivita’. Sono  fatte salve le disposizioni in materia di ricorso  per  l’efficienza  delle amministrazioni e dei concessionari di servizi pubblici.

Il procedimento e’ regolato dal rito sommario  di  cognizione  di cui agli articoli 702-bis e seguenti ed  e’  definito  con  sentenza, resa nel termine di trenta giorni successivi alla  discussione  orale della causa. Non puo’ essere disposto il mutamento del rito. Entro il termine di trenta giorni dalla prima udienza il tribunale decide  con ordinanza sull’ammissibilita’ della domanda, ma  puo’  sospendere  il giudizio quando sui fatti rilevanti ai fini del decidere e’ in  corso un’istruttoria davanti a un’autorita’ indipendente ovvero un giudizio davanti al giudice amministrativo. 

Consulta la legge in esteso.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Nessun commento

Lascia un commento