9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Le Sezioni Unite ribadiscono il principio di immutabilità del giudice

Formazione Giuridica > Sentenze  > Sentenze penali  > Le Sezioni Unite ribadiscono il principio di immutabilità del giudice

Le Sezioni Unite ribadiscono il principio di immutabilità del giudice

Dall’informazione provvisoria del 30 maggio 2019 si apprende che le Sezioni Unite penali hanno affrontato le seguenti questioni:
«Se il principio di immutabilità di cui all’art. 525 cod. proc. pen. richieda la corrispondenza, rispetto al giudice che abbia proceduto alla deliberazione finale, del solo giudice dinanzi al quale la prova sia stata assunta ovvero anche del giudice che abbia disposto l’ammissione della prova stessa».

«Se, ai fini di ritenere la sussistenza del consenso delle parti alla lettura degli atti assunti da collegio che sia poi mutato nella sua composizione, sia sufficiente la mancata opposizione delle stesse ovvero sia invece necessario verificare la presenza di ulteriori circostanze che la rendano univoca».

Ai quesiti è stata data la seguente risposta:

«Per il principio di immutabilità di cui all’art. 525 cod. proc. pen. il giudice che procede alla deliberazione finale deve essere lo stesso che ha disposto l’ammissione della prova; non di meno, i provvedimenti in tema di ammissione della prova si intendono confermati se non espressamente modificati o revocati; a seguito della rinnovazione del dibattimento, il consenso delle parti alla lettura ex art. 511 cod. proc. pen. degli atti assunti dal collegio in diversa composizione non è necessario quando la ripetizione dell’esame, già svolto dinanzi al giudice diversamente composto, non abbia avuto luogoin mancanza di richiesta della parte che ne aveva domandato l’ammissione oppure perché non ammessa o non più possibile».

Consulta l’ordinanza di rimessione: sentenza n. 2977 del 22 gennaio 2019.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Nessun commento

Lascia un commento