9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Non c’è destrezza (625, I, n. 4, c.p.) se il ladro si approfitta del momentaneo allontanamento del proprietario

Formazione Giuridica > Senza categoria  > Non c’è destrezza (625, I, n. 4, c.p.) se il ladro si approfitta del momentaneo allontanamento del proprietario

Non c’è destrezza (625, I, n. 4, c.p.) se il ladro si approfitta del momentaneo allontanamento del proprietario

Cass. pen., V, 2 dicembre 2020 n. 34279

In tema di furto, la circostanza aggravante della destrezza sussiste qualora l’agente abbia posto in essere, prima o durante l’impossessamento del bene mobile altrui, una condotta caratterizzata da particolari abilità, astuzia o avvedutezza ed idonea a sorprendere, attenuare o eludere la sorveglianza del detentore sulla res, non essendo invece sufficiente che egli si limiti ad approfittare di situazioni, non provocate, di disattenzione o di momentaneo allontanamento del detentore medesimo”.

LEGGI LA SENTENZA PER ESTESO

Nessun commento

Lascia un commento