9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Scienze Giuridiche in inglese

Formazione Giuridica > News  > Scienze Giuridiche in inglese

Scienze Giuridiche in inglese

L’Università di Bologna propone la prima laurea magistrale in Legal Studies, completamente in Inglese.

L’Ateneo bolognese è il primo in Italia a proporre una laurea magistrale in Scienze Giuridiche insegnata totalmente in inglese, a partire dall’anno accademico in corso 2019/2020.

In un contesto di diminuzione generale degli iscritti alla facoltà di Giurisprudenza e all’interno di difficili e precarie condizioni lavorative per chi intende perseguire la professione di Avvocato (uno dei principali sbocchi lavorativi per la facoltà), è davvero decisivo guardare all’Europa e all’Internazionalizzazione per creare dei professionisti nel cosiddetto “diritto globale” che siano in grado di saper affrontare con flessibilità una situazione normativa sempre meno legata ai confini nazionali, con una sensibilità “culturalmente alta” delle problematiche coinvolte.

Il corso è di durata biennale e dal secondo anno è prevista la scelta tra tre percorsi diversi: Global and Transnational Legal Studies; Human Rights and Social Justice; Law, Economics and Finance.

I profili così formati saranno in grado di operare in un ambito fortemente internazionalizzato, interagendo con fonti e sistemi tradizionali a dimensione nazionale e con forme giuridiche trasnazionali e sovranazionali, di combinare la conoscenza tecnica del diritto con uno sfondo filosofico, storico, scientifico e tecnologico.

Quali sono le opportunità occupazionali?

I laureati in Legal Studies potranno trovare opportunità lavorative presso:

  • organizzazioni internazionali
  • studi internazionali
  • imprese multinazionali o operanti a livello globale
  • organizzazioni non governative
  • amministrazioni pubbliche operanti in contesto sovranazionale ed internazionale
  • ricerca giuridica a livello internazionale

 

 

fonte: https://magazine.unibo.it/

 

Nessun commento

Lascia un commento