9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Sentenze civili

Formazione Giuridica > Sentenze  > Sentenze civili

La Corte Costituzionale dichiara inammissibile la questione di legittimità costituzionale in tema di maternità surrogata

Corte Cost. 09 Marzo 2021, n.33 “Vanno dichiarate inammissibili le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 12, comma 6, l. 19 febbraio 2004, n. 40 (Norme in materia di procreazione medicalmente assistita), dell'art. 64, comma 1, lett. g), l. 31 maggio 1995, n. 218 (Riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato) e dell'art. 18 d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 (Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile, a norma dell'art. 2, comma 12, l. 15 maggio 1997, n. 127), «nella parte in cui non consentono, secondo l'interpretazione attuale del diritto vivente, che possa essere riconosciuto e dichiarato...

Continua a leggere

Interruzione del nesso causale nella produzione del danno: condotte umane e serie causali autonome

Cass. civ., III, 22 febbraio 2021, n. 4662 “In caso di comportamento colposo di un soggetto idoneo a cagionare un danno, la condotta dolosa di altro soggetto che non si ponga come autonoma, eccezionale ed atipica rispetto alla serie causale già in atto, non è idonea ad interrompere il nesso causale con l'evento dannoso, ma potrà, al più, assumere rilievo solo sul piano della selezione delle conseguenze dannose risarcibili”. LEGGI LA SENTENZA PER ESTESO...

Continua a leggere

La Corte Costituzionale sul licenziamento economico (art. 18 Statuto dei lavoratori), come modificato dalla legge Fornero

Comunicato Stampa della Corte Costituzionale del 24 febbraio 2021 “La Corte costituzionale, riunita oggi in camera di consiglio, ha esaminato la questione di legittimità sollevata dal Tribunale di Ravenna sull’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, come modificato dalla cosiddetta legge Fornero (n. 92 del 2012), là dove prevede la facoltà e non il dovere del giudice di reintegrare il lavoratore arbitrariamente licenziato in mancanza di giustificato motivo oggettivo. In attesa del deposito della sentenza, l’Ufficio stampa della Corte costituzionale fa sapere che la questione è stata dichiarata fondata con riferimento all’articolo 3 della Costituzione. La Corte ha ritenuto che sia irragionevole – in...

Continua a leggere

L’evento atmosferico eccezionale esclude la responsabilità dell’ente (art. 2051 c.c.)

Cass. civ., III, 11/02/2021, n. 3564 “Il custode può liberarsi dalla responsabilità di cui all'art. 2051 c.c. provando il caso fortuito o il fatto di un soggetto estraneo alla propria sfera di controllo (quale può essere il danneggiato) tale da interrompere il nesso di causalità tra la "cosa" ed il danno (nella specie, relativa ai danni provocati ad una vettura per la caduta di neve ghiacciata dal tetto di un edificio comunale, è stata esclusa la responsabilità dell'ente in ragione dell'eccezionalità dell'evento atmosferico.” LEGGI LA SENTENZA PER ESTESO...

Continua a leggere

Alle Sezioni Unite la natura degli importi dovuti al proprietario ex art. 42 bis del D.P.R. n. 327 del 2001

Cass. civ., I, ordinanza interlocutoria n. 29625 del 2020 “La Prima Sezione Civile della Corte di cassazione ha rimesso gli atti al Primo Presidente per l’assegnazione alle Sezioni Unite ai sensi dell’art. 374, comma 3, c.p.c., sollecitando un ripensamento in ordine al principio enunciato nella sentenza n. 15283 del 25/07/2016 ove, in tema di acquisizione sanante ex art. 42 bis D.P.R. n. 327 del 2001, è stata attribuita natura indennitaria, e non risarcitoria, anche agli importi dovuti al proprietario del bene per il periodo di occupazione senza titolo, evidenziando come il tenore letterale della norma e il complessivo sistema del risarcimento...

Continua a leggere

Alle Sezioni Unite la natura degli importi dovuti al proprietario ex art. 42 bis del D.P.R. n. 327 del 2001

Cass. civ., I, ordinanza interlocutoria n. 29625 del 2020 “La Prima Sezione Civile della Corte di cassazione ha rimesso gli atti al Primo Presidente per l’assegnazione alle Sezioni Unite ai sensi dell’art. 374, comma 3, c.p.c., sollecitando un ripensamento in ordine al principio enunciato nella sentenza n. 15283 del 25/07/2016 ove, in tema di acquisizione sanante ex art. 42 bis D.P.R. n. 327 del 2001, è stata attribuita natura indennitaria, e non risarcitoria, anche agli importi dovuti al proprietario del bene per il periodo di occupazione senza titolo, evidenziando come il tenore letterale della norma e il complessivo sistema del risarcimento...

Continua a leggere

Le Sezioni Unite tornano sul leasing

Cass. civ., SS.UU. n. 2061 del 2021 “La legge n. 124/2017 (art. 1, commi 136 -140) non ha effetti retroattivi e trova, quindi, applicazione per i contratti di leasing finanziario in cui i presupposti della risoluzione per l'inadempimento dell'utilizzatore (previsti dal comma 137) non si siano ancora verificati al momento della sua entrata in vigore; sicchè, per i contratti risolti in precedente e rispetto ai quali sia intervenuto il fallimento dell'utilizzatore soltanto successivamente alla risoluzione contrattuale, rimane valida la distinzione tra leasing di godimento e leasing traslativo, dovendo per quest'ultimo social -tipo negoziale applicarsi, in via analogica, la disciplina di cui...

Continua a leggere

La saga infinita della maternità surrogata: la Corte Costituzionale esorta il legislatore ad intervenire

Ufficio Stampa della Corte costituzionale, Comunicato del 28 gennaio 2021 “Il Legislatore Dovra’ Trovare Forme Piu’ Adeguate Di Tutela Del Bambino Nato All’estero Con La Tecnica Della Maternita’ Surrogata La Corte costituzionale, riunita oggi in camera di consiglio, ha esaminato le questioni di legittimità sollevate dalla Cassazione sull’impossibilità di riconoscere in Italia, perché in contrasto con l’ordine pubblico, un provvedimento giudiziario straniero che attribuisce lo stato di genitori a due uomini italiani uniti civilmente, che abbiano fatto ricorso alla tecnica della maternità surrogata. In attesa del deposito della sentenza, l’Ufficio stampa della Corte costituzionale fa sapere che la questione è stata dichiarata inammissibile. La...

Continua a leggere

La Prima Sezione della Cassazione sull’amministrazione di sostegno (art. 404 c.c.): privilegiato il rispetto dell’autodeterminazione dell’interessato

Cass. civ., I, n. 29981 del 2020 “In tema di amministrazione di sostegno, l'equilibrio della decisione deve essere garantito dalla necessità di privilegiare il rispetto dell'autodeterminazione della persona interessata, così da discernere le fattispecie a seconda dei casi: se cioè la pur riscontrata esigenza di protezione della persona (capace ma in stato di fragilità) risulti già assicurata da una rete familiare all'uopo organizzata e funzionale, oppure se, al contrario, non vi sia per essa alcun supporto e alcuna diversa adeguata tutela; nel secondo caso il ricorso all'istituto può essere giustificato, mentre nel primo non lo è affatto, in ispecie ove all'attivazione...

Continua a leggere

Responsabilità medica e interruzione della gravidanza (art. 6 lett. b l. n. 194/1978) in caso di mancata informazione di possibili malformazioni del feto

Cass. civ., III, n. 653 del 2021 “L'accertamento di processi patologici che possono provocare, con apprezzabile grado di probabilità, rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro consente il ricorso all'interruzione volontaria della gravidanza, ai sensi della l. n. 194 del 1978, art. 6, lett. b), laddove determini nella gestante - che sia stata compiutamente informata dei rischi - un grave pericolo per la sua salute fisica o psichica, da accertarsi in concreto e caso per caso, e ciò a prescindere dalla circostanza che l'anomalia o la malformazione si sia già prodotta e risulti strumentalmente o clinicamente accertata; il medico che non informi...

Continua a leggere