9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

392.30.86.761

051.19.98.29.53

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Sentenze civili

Formazione Giuridica > Sentenze  > Sentenze civili

La risarcibilità del danno da morte del convivente more uxorio

La questione su cui si è pronunciata la Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione con la sentenza n. 9178 depositata il 13 aprile 2018 riguardava il risarcimento dei danni da perdita del rapporto affettivo o parentale derivanti dalla morte del convivente, deceduto mentre lavorava in un cantiere, richiesto dalla convivente more uxorio. In primo ed in secondo grado la richiesta viene rigettata, sull’assunto della mancata prova del rapporto di convivenza, emerso dalla mancata coabitazione. La Corte di Cassazione, anzitutto, effettua il richiamo dell’elaborazione effettuata dalla giurisprudenza di legittimità, per cui la famiglia di fatto è luogo in cui all’elemento soggettivo della stabile...

Continua a leggere

Il trust è istituto tipico e pertanto non sottoposto al vaglio di meritevolezza

Una recente ordinanza della terza sezione civile della Corte di Cassazione, la numero 9637 pubblicata il 19 aprile 2018, è intervenuta in materia di trust . La controversia origina dalla richiesta di revocatoria del trust promossa dai creditori dell'apportante, ove ritenevano che il debitore fosse a conoscenza del pregiudizio che avrebbe arrecato loro la costituzione del trust, artatamente costruito a favore dei figli quali beneficiari e con nomina della moglie quale trustee allo scopo di rispondere ad un interesse meramente distrattivo delle ragioni creditorie. In entrambi i gradi di giudizio, infatti, venne dichiarato inefficace l'atto di costituzione del trust, essendo emerso, nel merito, che...

Continua a leggere

Risarcimento del danno da diffamazione per il genitore che contesta la maestra del figlio

Nell'anno scolastico 1993-1994, la maestra elementare viene ingiustificatamente e violentemente contestata dal genitore, che la descriveva come un mostro e le attribuiva comportamenti gravi nei confronti dei bambini, tali per cui la stessa veniva addirittura sottoposta a valutazione psichiatrica medico - legale. Si apriva, altresì, un processo a carico dell'insegnante per i reati di cui agli artt. 572 e 582 c.p., la quale veniva poi assolta per insussistenza del fatto. Tuttavia, nel corso del procedimento penale ha subito la sospensione dal pubblico servizio. Avviato il processo per diffamazione, il primo grado si chiudeva con il rigetto della domanda, ritenendosi non provata la...

Continua a leggere

Ai fini del risarcimento è coppia di fatto anche una unione tra persone non conviventi

La controversia che arriva alla decisione della terza sezione civile della Corte di Cassazione nella pronuncia n. 9178/2018 origina dalla richiesta risarcitoria avanzata dalla convivente di un signore morto a seguito di rovinosa e fatale caduta dal vano ascensore dell'Albergo Funicolare Miralago. La ricorrente espone la relazione di convivenza all'epoca dei fatti, al fine di ottenere il risarcimento del danno da parte delle compagnie assicuratrici della struttura. Il tribunale di primo grado, all'esito dell'istruttoria, rigettava la pretesa della convivente ritenendo non provato il rapporto di convivenza, sulla scorta del fatto che il deceduto risultava risiedere in altro e diverso comune. Parimenti, la...

Continua a leggere

La responsabilità del Comune per la caduta del ciclista

La Corte di Cassazione interviene, con la recente pronuncia n. 6034 del marzo 2018, in un caso di risarcimento danni per cose in custodia di cui all'art. 2051 c.c. La controversia origina dal rapporto di custodia del Comune convenuto e dalla sua responsabilità, quale custode nella manutenzione della strada, per i danni patiti dal ciclista a seguito di una caduta provocata da un grande buca presente sul manto stradale. Dall'infortunio ne derivava un'invalidità permanente complessiva del 16%, accertata dalla ctu espletata in primo grado. Nella pronuncia della Corte di Cassazione, anzitutto,  si afferma il consolidato principio di diritto secondo cui l'ente proprietario di...

Continua a leggere

Nuova affermazione del principio di autonomia contrattuale nella pattuizione della clausola penale

La Corte di Cassazione, con pronuncia n. 6015 del 2018 ha ricalcato l'argomento dell'autonomia negoziale. L'estrinsecazione avviene in un contratto di locazione ad uso abitativo, dove le parti avevano previsto separatamente, con autonome clausole contrattuali, una penale per diverse ipotesi di inadempimento, abbinando ad esse la possibilità di richiedere la risoluzione di diritto. Dall'accertamento emerso in secondo grado si è poi riscontrato che il locatore, nel chiedere la risoluzione di diritto, ha anche trattenuto la somma incamerata a titolo di deposito cauzionale prevista come penale per l'inadempimento. La Corte di Cassazione, previamente ragionando il termini di autonomia contrattuale, ha ribadito l'assunto, ormai pacifico...

Continua a leggere

Responsabilità dell’intermediario per la violazione degli obblighi informativi

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 4727 depositata il 28 febbraio si pronuncia sull'applicazione del Reg. Consob in tema di obblighi informativi tra intermediario e investitore. La decisione dell'investitore va orientata attraverso dei precisi obblighi informativi che la banca deve correttamente adempiere. Irrilevante, invece, l'intento speculativo, tale per cui la banca è tenuta al risarcimento del danno patito dall'investitore per la violazione dei detti obblighi informativi. Inoltre, la scelta del cliente di uno strumento finanziario maggiormente rischioso non è idonea a rompere il nesso causale relativo all'accertamento del danno. Il principio, già affermato e qui ripreso, in materia di obblighi informativi, afferma...

Continua a leggere

le OPA della Realty Vailog s.p.a. e l’insider trading di Birondi

La Cassazione, con la pronuncia n. 3734 del 15 febbraio 2018 ha ritenuto legittima la sanzione pecuniaria per insider trading inflitta a Birondi e a Banzano, per aver strumentalizzato le informazioni privilegiate ottenute al fine dell'acquisto delle OPA Realty Vailog s.p.a. Si verte in tema di insider trading, infatti, ogni qualvolta un soggetto utilizza le informazioni ottenute in via privilegiata rispetto agli altri agenti economici e investitori del settore al fine di comprare dei titoli di una società proprio mediante lo sfruttamento di tale asimmetria informativa. L'illecito di abuso di informazioni privilegiate è previsto dall'art. 187-bis, comma 1, lett. a) del decreto...

Continua a leggere

Danno morale nella circolazione stradale: è riconosciuto in re ipsa ai parenti della vittima

Si inverte l'onere della prova per quanto riguarda la quantificazione del danno morale ai genitori, fratelli, figli e parenti della vittima da circolazione stradale. La tesi esposta da parte ricorrente verteva anzitutto sulla liquidazione del danno ai parenti della vittima, di nazionalità rumena, e finalizzata a diversamente quantificare il pretium doloris in funzione della residenza del danneggiato. Tale tesi viene radicalmente respinta dalla Cassazione, nella sentenza n. 3767 del 15 febbraio 2018. Ivi si argomenta in termini di natura ed entità del fatto illecito. Si legge, invero, che sostenere una tesi del genere significa prestare il fianco ad una logica niente affatto...

Continua a leggere

Legittimo il licenziamento del dipendente che fa telefonate a carico dell’azienda per un totale di oltre 8 mila euro

La sentenza 3315 del 12 febbraio 2018 emessa dalla Corte di Cassazione conferma la legittimità del licenziamento per giusta causa comminato al lavoratore che utilizza indebitamente il cellulare aziendale per effettuare telefonate personali. Anche se il medesimo ha cercato di giustificarsi asserendo una malattia nervosa e la necessità di trovare conforto in alcune voci amiche. Tuttavia, già all'esito del primo grado si rilevava che lo stato psico-fisico del lavoratore all'epoca dei fatti non era di depressione, e ad ogni modo non era in alcun modo giustificabile il suo protrarsi nei locali dell'azienda prima delle 8 e dopo l'orario contrattuale. Il protrarsi di...

Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi