9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

392.30.86.761

051.19.98.29.53

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Sentenze penali

Formazione Giuridica > Sentenze  > Sentenze penali

La condotta distrattiva della bancarotta fraudolenta

La quinta Sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 10633 dell’11.3.2019 si occupa della bancarotta fraudolenta. La Corte d'appello di Reggio Calabria ha confermato, ai soli effetti civili, la condanna di tre imputati per i reati di bancarotta fraudolenta documentale, patrimoniale e preferenziale loro rispettivamente contestati e commessi, nella loro qualità di amministratori di diritto o di fatto, durante la gestione della s.a.s., dichiarata fallita nel corso del 2000. In parziale riforma della pronunzia di primo grado la Corte territoriale ha invece dichiarato non doversi procedere agli effetti penali nei confronti dei menzionati imputati per i medesimi reati...

Continua a leggere

Concorso colposo nel reato doloso altrui: inammissibilità

La quarta Sezione penale della Corte di Cassazione torna a pronunciarsi sulla controversa figura del concorso colposo nel reato doloso altrui, questa volta negandone l’ammissibilità. L’iter argomentato si esprime nella sentenza 7032 del 14.2.2019. La vicenda processuale de qua trae origine dall'accadimento del 6 marzo 2013 quando Andrea Zampi faceva ingresso negli uffici della Regione Umbria e, dopo essere stato accreditato come visitatore esterno, esplodeva numerosi colpi di arma da fuoco, cagionando la morte di due dipendenti regionali; si recava, poi, in un'altra stanza ove si suicidava esplodendo verso di sé un ultimo colpo di pistola.  Il motivo del suo agire si evinceva...

Continua a leggere

Equivale a maltrattamento detenere 33 gatti in casa

La terza Sezione penale della Corte di Cassazione ha affrontato il caso del maltrattamento di animali, con la sentenza n. 1510 pubblicata il 14 gennaio 2019. Nei precedenti gradi di giudizio, la ricorrente per Cassazione è stata condannata per il reato di abbandono di animali, di cui all’art. 727 c.p., per aver detenuto, nella propria abitazione, 33 gatti. Gli animali erano detenuti in modalità tali da arrecare loro gravi sofferenze, incompatibili, con la loro natura, in ragione delle condizioni di sovraffollamento degli animali e di pessime condizioni di igiene dei luoghi.  Nel ricorso viene dedotto che il Tribunale aveva tratto dalle condizioni...

Continua a leggere

La Corte di Cassazione interpreta il reato di serrata

La sesta Sezione della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 1334 dell’11 gennaio 2019, interviene in tema di serrata. Nel caso di specie si imputava all’agente la commissione del reato di interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità, di cui all’art. 340 c.p.. In particolare, in materia di traffico aereo. Il punto di partenza seguito dalla Corte nel suo iter logico è costituito dal dato testuale della norma incriminatrice, che, in linea con l'interesse tutelato, sanziona non solo la condotta che abbia comportato l'interruzione del servizio pubblico di cui si tratti, bensì anche il...

Continua a leggere

Guida in stato di ebbrezza e tenuità del fatto

La quarta Sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 54018 del 3 dicembre 2018, ritiene applicabile l’istituto della particolare tenuità del fatto anche in caso di guida in stato di ebbrezza connotata da elevato tasso alcolemico. La controversia deriva da un’accertamento degli agenti della questura, i quali, in ora notturna, fermavano la vettura guidata dal reo per un controllo un controllo di routine, e applicavano lo strumento dell’alcol test. L’esito indicava uno stato di ebbrezza ed un tasso alcolemico elevato. In primo grado si comminava la pena prevista per il reato di guida in stato di ebbrezza, con applicazione...

Continua a leggere

Il rapporto tra estorsione e circonvenzione di incapace

La seconda Sezione penale della Corte di Cassazione rilascia la sentenza n. 51922, del 16.11.2018, in materia di estorsione aggravata e reato di falso in assegni. Il caso di specie vedeva l’impugnazione della sentenza di secondo grado, che ascriveva il reato di cui all’art. 629 c.p. senza valutare i problemi psichici dell’offeso. La Corte rinnega la fondatezza dell’assunto, ritenendo l’impianto accusatorio sostenuto nei due precedenti gradi coerente rispetto all’istruttoria espletata. In particolare, la Corte si sofferma sugli elementi sostanziali della fattispecie, e ricorda che la giurisprudenza di legittimità ha chiarito, nell'escludere il concorso tra estorsione e circonvenzione di incapace, che il soggetto passivo...

Continua a leggere

Il reato di contaminazione ambientale, anche solo potenziale, giustifica l’applicazione di misura cautelare personale

La terza Sezione penale della Corte di Cassazione pronuncia in materia di reati ambientali, con riferimento all’applicazione della misura cautelare personale. In particolare, il reato di inquinamento ambientale ascritto all’imputato nei gradi precedenti veniva impugnato perché il pubblico ministero aveva rilevato solamente una potenziale contaminazione del fondo, che il ricorrente ritiene non idonea per integrare gli estremi del reato di inquinamento ambientale. Ed invero, si accertava l’abusivo sversamento in un'area di cava dismessa di centinaia di migliaia di metri cubi di rifiuti speciali di svariata origine, pericolosi e non, e la maggior parte del materiale rinvenuto in superficie appariva depositato di recente,...

Continua a leggere

Le Sezioni Unite su ricorso Schettino in merito alla rilevanza della recidiva ai fini di calcolo del termine di prescrizione del reato

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, su ricorso di Schettino, rilasciano l'informazione provvisoria in merito alla rilevanza della recidiva ai fini di calcolo del termine di prescrizione del reato. Il quesito era stato posto dalla Terza Sezione della Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 30042 del 21 giugno - 4 luglio, nei seguenti termini: se la recidiva contestata e accertata nei confronti dell’imputato e solo implicitamente riconosciuta dal giudice di merito, che pur non aumentando la pena a tale titolo, abbia specificamente valorizzato, per negare il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, i precedenti penali dell’imputato, rilevi ai fini del calcolo del...

Continua a leggere

desistenza volontaria e reato di finanziamento illecito

La sesta Sezione penale della Corte di Cassazione del 19 ottobre, n. 47854, rilascia una sentenza in merito al reato di finanziamento illecito ad un partito politico. Il ricorso proviene dalla condanna in primo grado di due correi per i reati di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, ex art. 353 bis c.p., e di finanziamento illecito ai partiti, con il vincolo della continuazione. La norma che definisce la fattispecie si rinviene nell'art. 7 della legge 2 maggio 1974 n. 195 - da leggersi in uno con le prescrizioni dettate dall'art. 4 co. 1 della legge 18 novembre 1981 n....

Continua a leggere

La mancata tempestiva proposizione della richiesta di riesame applicativo di una misura cautelare reale non ne preclude la revoca

Le Sezioni Unite Penali, con la sentenza n. 46201 dell’11 ottobre 2018, rassegnano un principio processuale in tema di ammissibilità del sequestro preventivo. La controversia origina a carico degli amministratori di una società che opera in campo edilizio, i quali si vedevano assoggettare a sequestro preventivo, da parte del gup, l’importo ritenuto corrispondente al profitto conseguito dalla commissione degli illeciti. La società formulava al medesimo giudice l’istanza di revoca del provvedimento di sequestro, basata sulla scissione del ramo di azienda originariamente amministrato dai soggetti chiamati in giudizio. L’istanza veniva respinta in primo ed in secondo grado. Promosso ricorso per cassazione, la terza sezione...

Continua a leggere