9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

392.30.86.761

051.19.98.29.53

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Sentenze penali

Formazione Giuridica > Sentenze  > Sentenze penali

L’ultima Corte di Cassazione conferma i precedenti in tema di violenza privata

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 40482 del 12 settembre, decide in materia di violenza privata. Il ricorrente veniva riconosciuto colpevole di detto delitto per aver impedito, per giorni, la chiusura di un cancello posto sulla proprietà della persona offesa, in modo tale da impedirne il transito, altresì parcheggiando un’autovettura in loco e sedendo sui battenti della proprietà. La Corte di Cassazione, rigettando per infondatezza il ricorso, basato su asserito vizio di violazione di legge nell’applicazione della norma di parte speciale, ha avuto modo di specificare che unanime giurisprudenza della Corte di legittimità, in tema di violenza privata, ritiene il...

Continua a leggere

L’affidamento in prova al servizio sociale nella recente Cassazione Penale

La prima Sezione penale della Corte di Cassazione, con la pronuncia 39909 del 4 settembre, pronuncia in materia processuale sui benefici concedibili al reo di bancarotta fraudolenta. Il caso origina dalla richiesta dell’ex amministratore di una società, condannato per bancarotta, di avvalersi dell’affidamento in prova al servizio sociale. La richiesta era stata denegata sulla scorta della considerazione che il medesimo sarebbe rimasto nello stesso contesto imprenditoriale in cui si è consumato il reato. Per il medesimo motivo si esprimeva giudizio sfavorevole sull’idoneità lavorativa del richiedente, agli effetti di una efficace risocializzazione della misura alternativa. Diversamente opinando, la Corte di Cassazione ha accolto...

Continua a leggere

La più recente Cassazione sul reato di concussione

La sesta Sezione penale della Corte di Cassazione ha deciso, con la sentenza n. 38544 del 13 agosto, in materia di reati contro la pubblica amministrazione. Nei precedenti gradi, il ricorrente è stato ritenuto colpevole del reato di concussione poichè, in qualità di Vice Questore aggiunto della Polizia di Stato, aveva abusato della sua qualità e dei suoi poteri, ordinando ai suoi sottoposti, peraltro appartenenti alla sezione «fasce deboli», di sottoporre a controllo l'autovettura di un soggetto - poi costituitosi parte civile nel giudizio penale - e, intervenendo irritualmente, lo costringeva a promettergli indebitamente che avrebbe interrotto le proprie frequentazioni con...

Continua a leggere

Turbata libertà degli incanti e aggravante del metodo mafioso nell’ultima Cassazione Penale

La sesta Sezione penale della Corte di Cassazione ha deciso, con la sentenza n. 38562 del 13 agosto, in materia di turbativa nelle gare ad evidenza pubblica. Nei precedenti gradi, agli imputati era stato contestato il reato di turbata libertà degli incanti, commesso mediante accordo collusivo tra loro e diretto ad ostacolare la libera partecipazione degli altri partecipanti ad una gara ad evidenza pubblica e a pilotarne l’esito in fase di aggiudicazione. È emerso, inoltre, anche per mezzo delle intercettazioni predisposte, che le condotte erano poste in essere al fine di agevolare l’associazione mafiosa locale, una cosca cosentina. La sentenza ripercorre quanto...

Continua a leggere

La Cassazione interpreta il reato di cui all’art. 270 c.p. nella partecipazione all’Isis

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 38208 dell’8 agosto della seconda Sezione penale, si pronuncia in un caso di partecipazione ad associazione con finalità terroristiche. Il caso di specie riguarda due soggetti, in primo grado imputati per la loro partecipazione alla nota associazione Isis, ai sensi dell’art. 270 c.p.. La pronuncia di legittimità valorizza l’imputazione formulata in primo grado tramite una valutazione complessiva dei dati sintomatici espressivi della qualità e natura del contributo dei ricorrenti al proposito criminale dell’associazione. In merito, la pronuncia è pregevole nel ricordare che la categoria dei delitti associativi, nella sua evoluzione storica, ha da sempre testimoniato...

Continua a leggere

Risponde il gestore del locale per gli schiamazzi dei clienti

La terza sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 30644 del 6 luglio, ritiene configurabile il reato di reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone qualora il gestore del locale non si attivi per impedire schiamazzi e rumori avvenuti nelle ore notturne da parte degli avventori e che hanno recato disturbo alla quiete pubblica. In primo grado il tribunale ha ritenuto configurato il reato di cui all'art. 659, comma 1, cod. pen. e con la concessione delle circostanze attenuanti generiche ha determinato la pena dell’ammenda nella misura di euro 300,00. Inoltre, ha motivato l’esclusione del...

Continua a leggere

Tentata induzione indebita per il poliziotto che ricatta la barista

La sentenza della Corte di Cassazione n. 37589 del 2 agosto 2018 decide sul discrimen tra il reato di induzione indebita nella forma tentata e il delitto di concussione. Il caso in esame riguardava un poliziotto, che si rivolgeva all’esercente del bar chiedendole del denaro al fine di non elevare una contravvenzione per aver posto, senza autorizzazione,  sul marciapiede, tavolini e sedie. La commerciante fingeva di accettare il ricatto, ma maturava il pensiero di denunciare la condotta del poliziotto. Infatti, le somme venivano corrisposte brevi manu davanti ai Carabinieri in borghese e con denaro “fac simile”. Nei primi gradi di giudizio il...

Continua a leggere

Le Sezioni Unite sullo sconto di pena per la continuazione tra rito speciale e ordinario

La più recente Cassazione Penale si pronuncia sulla questione dell'applicazione della continuazione per gli effetti dello sconto di pena solo sui reati giudicati con rito abbreviato. La sentenza n. 35852 del 26 luglio, resa dalle Sezioni Unite, specifica l'applicazione dello sconto di pena pari ad un terzo solo per i reati decisi con rito abbreviato. Così si dirime un contrasto sorto in seno alle stesse sezioni penali della Corte di Cassazione, che vedevano schierati due orientamenti. Un primo orientamento, seguito dalla Corte di Appello che ha preceduto il ricorso per Cassazione, l'applicazione in sede esecutiva della continuazione tra reati giudicati con rito ordinario...

Continua a leggere

La fattispecie di lieve entità nella disciplina degli stupefacenti

La Corte di Cassazione, con la sentenza 24092 del 2018, torna sul tema degli stupefacenti al fine di qualificare la condotta della lieve entità di cui all'articolo 73, comma quinto, d.P.R. n. 309 del 1990. Nel caso di specie, la quantità, il possesso di un bilancino di precisione per la pesatura ed i modi in cui era occultato lo stupefacente avevano fatto escludere l'ipotesi attenuata, e nei gradi precedenti di giudizio si perveniva all'accertamento di una organizzazione finalizzata allo spaccio di un quantitativo non modesto, tale da soddisfare la richiesta di un numero non esiguo di tossicodipendenti. Il principio espresso in sede...

Continua a leggere

La Cassazione determina la nozione di esercizio abusivo di attività finanziaria

La Corte di Cassazione decide su un caso di esercizio abusivo di attività finanziaria, commesso dall'amministratore di una società di capitali che, pur nominato amministratore giudiziario nell'ambito di un procedimento penale, erogava finanziamenti ed anticipazioni di fondi, contravvenendo alle regole imposte nel sequestro di prevenzione. La Corte ricostruisce il reato di abusiva attività finanziaria come reato eventualmente abituale, in considerazione di una attività che implica la reiterazione di comportamenti che si innestano in una attività avente organizzazione di carattere professionale. Questo vale ai fini della prescrizione, poiché le condotte, nel reato abituale, si ritengono protratte. Viene poi formulata una piena ammissibilità del concorso...

Continua a leggere