9-13/15-19

Chiamaci per informazioni

392.30.86.761

051.19.98.29.53

Facebook

Linkedin

diretta live

whatsapp

Area iscritti

EXTRA

Le immissioni di rumore vanno messe in relazione alla situazione ambientale

La seconda Sezione civile della Corte di Cassazione rassegna, in data 5 novembre, una sentenza in tema di immissioni di rumore, la n. 28201. La controversia in Cassazione deriva da una sentenza del Giudice di pace che ordinava la cessazione delle immissioni rumorose eccedenti la normale soglia di tollerabilità, provenienti dall’immobile del proprietario confinante, provocate dallo spostamento del vano cucina nell’ambiente sovrastante, per un superamento del limite di ben tre decibel rispetto al rumore di fondo. La Corte coglie così l’occasione di ricordare che il limite di tollerabilità delle immissioni rumorose non è mai assoluto, ma relativo alla situazione ambientale, variabile da...

Continua a leggere

Il reato di contaminazione ambientale, anche solo potenziale, giustifica l’applicazione di misura cautelare personale

La terza Sezione penale della Corte di Cassazione pronuncia in materia di reati ambientali, con riferimento all’applicazione della misura cautelare personale. In particolare, il reato di inquinamento ambientale ascritto all’imputato nei gradi precedenti veniva impugnato perché il pubblico ministero aveva rilevato solamente una potenziale contaminazione del fondo, che il ricorrente ritiene non idonea per integrare gli estremi del reato di inquinamento ambientale. Ed invero, si accertava l’abusivo sversamento in un'area di cava dismessa di centinaia di migliaia di metri cubi di rifiuti speciali di svariata origine, pericolosi e non, e la maggior parte del materiale rinvenuto in superficie appariva depositato di recente,...

Continua a leggere

RISULTATI ESAME AVVOCATO 2018 -2019 DATA DI USCITA DEI RISULTATI E PRIME INDISCREZIONI

Ogni anno i risultati vengono pubblicati dalle relative Corti di Appello nelle ultime due settimane del mese di giugno, al massimo durante la prima settimana di luglio. In attesa dei risultati è fondamentale continuare a studiare in vista dell'esame orale per tenersi continuamente aggiornati ed essere pronti anche ad uno orale in tempi brevi (per es. settembre). Continua a consultare questa pagina per conoscere subito la data di uscita degli esami! Quando usciranno i risultati? i temi di pubblicazione dipendono da vari fattori: numero dei candidati, dagli abbinamenti delle corti di appello e dalle commissioni correttrici. Poi non mancano mai gli imprevisti in...

Continua a leggere

Rinvio pregiudiziale dal Consiglio di Stato alla Corte UE sulla retroattività dei rimborsi ai concessionari di gas naturale

La sesta Sezione del Consiglio di Stato, con la pronuncia 6227 del 5 novembre 2018, rimette alla Corte di giustizia UE la questione relativa alla corretta interpretazione dei principi e delle norme europee, al fine di stabilire se essi consentono una applicazione retroattiva dei criteri di determinazione dell’entità dei rimborsi spettanti agli ex concessionari del servizio di distribuzione del gas naturale con incidenza su pregressi rapporti negoziali ovvero se tale applicazione sia giustificata, anche alla luce del principio di proporzionalità, dall’esigenza di tutelare altri interessi pubblici, di rilevanza europea, afferenti all’esigenza di consentire una migliore tutela dell’assetto concorrenziale del mercato...

Continua a leggere

Il Consiglio di Stato sul rapporto tra appello principale perento e appello incidentale tardivo

La sesta sezione del Consiglio di Stato, con la pronuncia n. 6111 del 26 ottobre 2018 decide sul rapporto tra appello principale perento e appello incidentale tardivo. La questione all’attenzione del Collegio è se l’art. 334, comma 2, c.p.c. - secondo il quale se l’impugnazione principale è dichiarata inammissibile, l’impugnazione incidentale tardiva perde ogni efficacia - richiamato espressamente e con la stessa formulazione dall’art. 96, comma 4 c.p.a., sia applicabile nel processo amministrativo anche nel caso in cui il ricorso principale sia estinto per perenzione. Ai fini della decisione la sezione passa in rassegna quanto espresso dal giudice di appello, ovvero che...

Continua a leggere

Le Sezioni Unite su ricorso Schettino in merito alla rilevanza della recidiva ai fini di calcolo del termine di prescrizione del reato

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, su ricorso di Schettino, rilasciano l'informazione provvisoria in merito alla rilevanza della recidiva ai fini di calcolo del termine di prescrizione del reato. Il quesito era stato posto dalla Terza Sezione della Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 30042 del 21 giugno - 4 luglio, nei seguenti termini: se la recidiva contestata e accertata nei confronti dell’imputato e solo implicitamente riconosciuta dal giudice di merito, che pur non aumentando la pena a tale titolo, abbia specificamente valorizzato, per negare il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, i precedenti penali dell’imputato, rilevi ai fini del calcolo del...

Continua a leggere

rimessa alla Corte di Giustizia UE la questione della trasformazione delle banche popolari in spa

Sono rimesse alla Corte di giustizia UE le questioni relative all'obbligo di trasformazione della banche popolari in società per azioni. In ragione della remissione, la Sesta Sezione del Consiglio di Stato si è espressa in relazione alla posizione di due soli istituti di credito che non hanno dato attuazione al d.l. n. 3 del 2015 in tema di “Misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti” considerandolo in contrasto con la disciplina nazionale e comunitaria. La vicenda era stata parzialmente già sottoposta al giudizio della Corte costituzionale che aveva ritenuto non in contrasto con la Costituzione le censure sulla carenza dei presupposti...

Continua a leggere

nella causa Provenzano la Cedu condanna l’Italia per violazione dell’art. 3

Nella decisione del 25 ottobre, n. 55080/10, la prima Sezione della Corte Europea dei diritti dell'Uomo decide sul caso di Bernardo Provenzano. Il ricorrente, ora deceduto, era un cittadino italiano, nato nel 1933. Egli è stato arrestato nel 2006 e successivamente condannato per numerosi reati estremamente gravi, comportanti l'applicazione della pena di diversi ergastoli. Dopo il suo arresto, è stato incarcerato sotto la sezione 41 bis del regime penitenziario, un regime restrittivo in Italia per impedire ai condannati per reati legati alla mafia di mantenere i contatti con membri dell'organizzazione criminale all'interno o all'esterno della prigione. Include le restrizioni sulle visite familiari, il...

Continua a leggere

desistenza volontaria e reato di finanziamento illecito

La sesta Sezione penale della Corte di Cassazione del 19 ottobre, n. 47854, rilascia una sentenza in merito al reato di finanziamento illecito ad un partito politico. Il ricorso proviene dalla condanna in primo grado di due correi per i reati di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, ex art. 353 bis c.p., e di finanziamento illecito ai partiti, con il vincolo della continuazione. La norma che definisce la fattispecie si rinviene nell'art. 7 della legge 2 maggio 1974 n. 195 - da leggersi in uno con le prescrizioni dettate dall'art. 4 co. 1 della legge 18 novembre 1981 n....

Continua a leggere

rimessione all’Adunanza Plenaria della questione relativa alla possibilità, per l’impresa componente il raggruppamento, di ridurre la propria quota di esecuzione

Il 18.10, la quinta sezione del Consiglio di Stato, con la sentenza n. 5957, rimette all'Adunanza plenaria la questione se sia consentito ad un’impresa componente raggruppamento temporaneo di imprese, che possegga il requisito di qualificazione in misura insufficiente per la quota di lavori dichiarata in sede di presentazione dell’offerta, di ridurre la propria quota di esecuzione, così da renderla coerente con il requisito di qualificazione effettivamente posseduto, nel caso in cui il raggruppamento nel suo insieme sia in possesso di requisiti di qualificazione sufficienti a coprire l’intera quota di esecuzione dei lavori. Le ragioni della remissione dipendono dalla circostanza per cui sul...

Continua a leggere