Diritto Penale

Traccia 1

Caio, in qualità di direttore generale della ASL, procedeva con delibera ad affidare una serie di incarichi individuali per conto dell'azienda sanitaria a personalità esterne all'azienda. In particolare, Caio deliberava l'affidamento a Mevio, ex dirigente della ASL, dell'incarico di gestire la fase di redazione e stipula dei contratti con le strutture private accreditate con l'ente sanitario, al fine di coadiuvare il nuovo responsabile di settore, Sempronio, giovane inesperto e che all'epoca dell'affidamento non aveva maturato l'esperienza necessaria per procedervi autonomamente. Caio veniva denunciato per aver rinnovato l'incarico a Mevio, suo amico, in violazione della normativa di settore, relativa alle condizioni per l'affidamento di incarichi a terzi estranei all'amministrazione, che imponeva alla ASL, nel rispetto dei principi di imparzialità e trasparenza, la non rinnovabilità degli incarichi già precedentemente affidati alla medesima persona.

Assunte le vesti del difensore di Caio, il candidato illustri le fattispecie contestabili

Traccia 2

Tizia, medico esercente un pubblico servizio, veniva a conoscenza, per ragioni di servizio, di una sospetta violenza sessuale ai danni della minore Caietta, sua paziente, ad opera di Sempronio, compagno della madre della ragazzina e amico di vecchia data del medico. Tizia, appreso da quotidiani locali delle indagini in corso e non ritenendo Sempronio capace di simili condotte, decideva di confrontarsi con quest'ultimo, che negava tutte le accuse. Il medico, in considerazione del rapporto di amicizia con Sempronio, decideva di rimanere inerte e Sempronio, così, continuava a frequentare l'abitazione di Caietta. Dopo tre mesi, l'uomo veniva arrestato per violenza sessuale continuata a danno della minore. Tizia si recava quindi da un legale per sapere le conseguenze della propria condotta.

Il candidato, assunte le vesti del legale di Tizia, rediga parere motivato.

Traccia 3

Tizio è stato rinviato a giudizio in ordine al delitto di cui all’art. 642 c.p. perché, in sede di stipulazione del contratto assicurativo non ho dichiarato che la propria autovettura era incidentata e non marciante E che era stata da lui acquistata dopo un incidente stradale per il prezzo (risalente dall’atto di voltura) di 5.000,00 euro: al contrario, il contratto assicurativo era stato stipulato per il valore di euro 21.150,00, indennizzo che - a seguito di furto del veicolo custodito presso il carrozziere per le riparazioni – era stato percepito da Tizio.

Il candidato, assunte le vesti del difensore di fiducia di quest’ultimo, predisponga in apposite memorie la linea difensiva più utile, soffermandosi preliminarmente sulla titolarità del diritto di querela e, nel merito, sulla falsità ideologica e/o materiale, della documentazione richiesta è prodotta per la stipulazione di un contratto di assicurazione.

Traccia 4

Tizio, sindaco del comune di Alfa, affida un incarico alla ditta Beta per l'installazione di una serie di lampioni d'acciaio all'interno della piazza comunale. La ditta Beta, assunto l'incarico, propone nel progetto la realizzazione di lampioni più leggeri ed esteticamente più moderni. Il sindaco Tizio accoglie le migliorie dei progettisti e vengono eseguiti i lavori. Accidentalmente, a distanza di pochi anni, una notte tre lampioni rovinano al suolo a seguito di un forte vento, ma fortunatamente nessun soggetto era presente nell'area al momento del crollo, che, quindi, non cagiona né danni né feriti. La locale Procura, a seguito delle indagini svolte, iscrive nel registro delle notizie di reato l'amministratore della ditta Beta, il progettista, il direttore dei lavori, il responsabile della sicurezza ed il sindaco Tizio, in qualità di committente.

Assunte le vesti del legale di Tizio, il candidato esprima parere motivato.

Traccia 5

Tizio, dopo vent’anni di matrimonio deve accettare la perdita della moglie Caia. A seguito dell’apertura del testamento, il cognato Sempronio inizia a pubblicare, tramite il proprio profilo whatsapp, in particolare sul proprio stato, frasi offensive riferite a tizio e alla defunta Caia. Tizio e Sempronio, parenti e imprenditori, in ragione delle proprie attività commerciali, usano il proprio recapito telefonico, oltre all’indirizzo mail, per comunicare con numerosi clienti e fornitori.

Il candidato, assunte le vesti del difensore di tizio, esamini e illustri i profili degli istituti applicabili e indichi la tutela consigliabili.

Traccia 6 

Tizio, ormai quarantenne, fin dall'adolescenza è stato seguito dal centro di salute mentale perché affetto da una malattia psichiatrica attestante un grave deficit cognitivo e volitivo, ma, essendo scarsamente aderente alla terapia prescritta, non riusciva a controllarsi e compiva una serie di atti di continua vessazione nei confronti della madre Mevia, anziana e con lui convivente, tali da cagionarle sofferenze, privazioni, fonte di disagio continuo e incompatibile con le normali condizioni di vita, maltrattandola, inoltre, con reiterate condotte tenute in epoche diverse, sistematicamente con aggressioni e percosse. Tizio veniva catturato dai Carabinieri, in seguito ad ordinanza di applicazione della custodia in carcere, emessa dal GIP su richiesta del PM.

Il candidato, esaminato il caso, descriva la fattispecie penale di riferimento e, immedesimandosi nel difensore di Tizio, indichi la strategia difensiva in sede cautelare e di merito.

Traccia 8

Tizio da una dose di cocaina a Caia durante una festa privata. Caia, però, a seguito dell'assunzione dello stupefacente subisce un arresto cardiaco e muore. Tizio si rivolge al suo legale di fiducia perché tutti i partecipanti alla festa avevano visto che era stato proprio lui a cedere a Caia lo stupefacente e ha paura delle conseguenze della propria condotta.

Il candidato, assunte le vesti del legale di Tizio, rediga motivato parere, indicando la fattispecie di reato che è contestabile in capo a Tizio.

 

Traccia 9

Tizio ha 20 anni, un giorno scrive nella bacheca fb di Caio un messaggio offensivo , attribuendogli di aver percosso Mevia. Caio non si accorge subito del messaggio,  difatti,  glielo riferiscono i suoi amici . Lo stesso adirato va dal suo legale per valutare quali sono le responsabilità attribuibili a Tizio.

 

Si analizzino le fattispecie e le eventuali aggravanti.

Traccia 10

Tizio si accorda con Caio per commettere un furto di un'auto. Dopo aver fatto una perlustrazione della zona, convengono che Caio indossi un passamontagna e proceda a rubare l'autovettura prescelta, mentre Tizio resta in macchina a fare da palo. Nel tragitto dall'auto di Tizio alla macchina da rubare, senza che nessuno possa vederlo, Caio scorge una signora anziana e le strappa la borsetta, facendola cadere a terra e provocandole lesioni giudicate guaribili in 25 giorni. Caio si fionda in macchina di Tizio, imponendogli di partire a tutta velocità. Riconosciuti da un passante, vengono fermati. Tizio viene tratto a giudizio per i reati di rapina aggravata (fatto commesso da persona travisata) e lesioni personali aggravate.

Il candidato, assunte le vesti del difensore di Tizio, illustri gli istituti giuridici e prospetti le conseguenze giuridiche ipotizzabili.

Manuali, codici e compendi Scuola Zincani

per la preparazione dell'esame forense, del concorso in magistratura e dei concorsi pubblici

Rimani aggiornato sui nuovi corsi in partenza e sulle prossime presentazioni: Iscriviti alla Newsletter.

L'importanza della semplicità.
Allenamento duro, vittoria facile!

Materiali Esclusivi


Ogni settimana i nostri corsisti parteciperanno agli incontri settimanali, in presenza o comodamente da casa, ricevendo nella propria pagina personale tutti i materiali inediti funzionali alla preparazione teorica e pratica. I materiali della Scuola sono redatti appositamente al fine di ridurre i tempi di preparazione semplificando e snellendo l’iter cognitivo, in relazione alle tematiche più rilevanti e attuali. Tutte le tracce assegnate riceveranno una correzione individuale a tre livelli.

Dati Aziendali


Copyright 2021 Formazione Giuridica srl ©Tutti i diritti riservati.

Formazione Giuridica s.r.l.
Via San Vitale 4 - 40125, Bologna
p.iva 03266791205 - Rea MO-383161
Cap.soc. 20.000€ I.V.
IBAN: IT07V0888302401014000140865

Photo credits: Unsplash
Web Design & Implementation: Pixed

Privacy Policy - Cookie Policy